Calcio donne

L’Isera sfida le corazzate di A e B e non sfigura

La formazione di Beatrice Visintainer è reduce da due successi nel campionato Primavera

TRENTO. Trento Clarentia e Azzurra, ma non solo. Il calcio femminile in provincia di Trento “corre” anche in Val Lagarina grazie all’Isera, da sempre attiva nel mondo del pallone in rosa. La prima squadra biancorossa milita nel torneo di serie C ed è seconda in classifica, lanciata all’inseguimento della capolista Brixen, ma la società del patron Alberto Sordo è attivissima anche in ambito giovanile. La formazione Primavera biancorossa affronta infatti per il secondo anno di fila il campionato nazionale (assieme a società di serie A e B) e, come se non bastasse, il sodalizio lagarino ha allestito una formazione Esordienti composta esclusivamente da giovani calciatrici. I numeri parlano di 60 atlete tesserate, 21 delle quali sono d'età compresa tra i 14 i 19 anni e compongono la rosa della compagine affidata alla 24enne Beatrice Visintainer, ex calciatrice di buon livello che, dopo aver appeso le scarpe al chiodo, ha deciso d’intraprendere la carriera d’allenatrice. Il 2016 calcistico della compagine di Visintainer si è chiuso come meglio non avrebbe potuto: dieci giorni fa la compagine biancorossa ha superato con un tennistico 6 a 0 il Valpolicella nell’ultima sfida casalinga dell'anno (doppiette di Bertolini e Monaco e gol di Faccio e Torboli, quest’ultima al suo primo gol), mentre sabato scorso le lagarine hanno espugnato per 3 a 2 il campo del Vicenza grazie alla doppietta della scatenata Bertolini e alla rete di Frisanco. L’Isera tornerà in campo sabato 14 gennaio per il recupero con il Mozzecane, mentre il girone di ritorno partirà sabato 11 febbraio.

LA CLASSIFICA: Agsm Verona 21 punti; San Bonifacio** e Mozzecane* 12; Bassano* 11; Isera* 10; Valpolicella* e Rubano 8; Trento Clarentia* 7; Vicenza* 3. **: due gare in meno. *: una gara in meno. (d.l.)